domenica 15 dicembre 2013

La vetrina natalizia di Stockmann

Avrei potuto titolare questa segnalazione con "La vetrina di Stocka" ma mi sono reso conto che forse non suonerebbe tanto bene. Stocka è il nome con cui sono chiamati i grandi magazzini Stockmann, presente nelle maggiori città finlandesi.
La vetrina natalizia di Stockmann è la più attesa e ammirata dai bambini della capitale. Non saprei se l'allestimento della vetrina sia simile anche in altre città finlandesi.



sabato 7 dicembre 2013

Del figlio del vento e di altri nomi

In curiosità onomastiche finlandesi avevo segnalato alcuni dei nomi propri curiosi che non erano stati accettati o rifiutati dall'anagrafe finlandese.
Anche quest'anno IL ha pubblicato alcuni dei nomi più bizzarri partoriti dalla mente dei novelli genitori.
Tra i nomi maschili accettati ci sono Mithras, Aeneas, Avelito, Tuulenpoika (figlio del vento),  Esaiah, Taurian, Jofur, Metsänpoika (figlio del bosco), Kielo (mughetto), Dalai, Oitto, Kuunkivi (pietra lunare) e Simmu. Quest'ultimo mi risulta che significhi 'occhio' nel linguaggio dei bambini.
Sono stati invece rifiutati i nomi Rayzon, Curro, Occo, Pääsky (rondine), Mortem. Il nome Occo pare non sia stato accettato per ambiguità di pronuncia. Pääsky invece non è sembrato un nome chiaramente maschile. Il motivo del rifiuto del nome Mortem non dovrebbe sorprendere gli italofoni.

Tra i nomi femminili accettati ci sono Veanna, Raparperi (rabarbaro), Belladonna (belladonna), Leedsia, Arien, Gleia, Aiya, Pommiina.
A me Pommiina suona molto come ricorda pommi (bomba) però non saprei dire se sia lo stesso anche per un finlandese.
Non è invece stato accettato il nome Eevaingrid: violerebbe le regole grammaticali finlandesi.


venerdì 6 dicembre 2013

Riconoscimento dell'autonomia


"Il presidente del Senato finlandese ha trasmesso al Governo francese e agli altri Governi alleati una dichiarazione della quale ecco il sunto.
La Dieta finlandese basandosi sull'art. 38 della legge fondamentale del 1772 ha deciso di assumere il potere sovrano e in conformità di ciò ha designato un Senato esecutivo.
In virtù di tale decisione il capo del Governo finlandese ha presentato alla Dieta un progetto di legge costituzionale che istituisce in Finlandia una repubblica indipendente. Riferendosi ai principi proclamati dalle Potenze circa il diritto di tutti i popoli di disporre delle loro sorti, il presidente del Senato dichiara solennemente a nome del Governo finlandese che il popolo della Finlandia ha il diritto e il dovere di assumere nelle sue mani i suoi destini e sollecitare dalle Potenze estere il riconoscimento della sua indipendenza. La Russia non ha più Governo: i suoi rappresentanti avendo cessato di esercitare le loro funzioni in Finlandia, nessuna autorità russa legale vi sussiste più. L'anarchia russa costringe il popolo finlandese a sciogliersi fino da questo momento da qualsiasi dipendenza verso la Russia. Infine una carestia imminente minaccia la Finlandia.
Il Senato finlandese basandosi sulle generose dichiarazioni del Governo francese sul diritto dei piccoli popoli alla sovranità nazionale, chiede rispettosamente che il Governo della Repubblica francese voglia riconoscere la Repubblica finlandese e autorizzare l'invio di una Delegazione a Parigi."

tratto da "La Stampa" 11.12.1917


In Finlandia si celebra oggi 6 dicembre la Festa dell'Indipendenza. Buon compleanno Finlandia!!
Hyvää itsenäisyyspäivää!

martedì 3 dicembre 2013

Nuori Suomi, gli album natalizi

Vorrei segnalare una paio di copertine degli album natalizi del quotidiano Päivälehti. Pubblicato in Finlandia dal 1889 fino al 1904, quando venne chiuso in seguito alla censura zarista. A distanza di pochi giorni dalla chiusura del giornale, la redazione fondò Helsingin Sanomat, oggi il più diffuso quotidiano finlandese.
Al giornale contribuirono alcuni dei più importanti politici e artisti finlandesi del tempo.
Molte copertine e illustrazioni dei Nuori Suomi, gli annuali album natalizi del Päivälehti, sono state realizzate da pittori entrati nella storia artistica e culturale finlandese.
La prima copertina è stata realizzata da Akseli Gallen-Kallela (1894), l'altra da Väinö Blomstedt (1895).
Mi sembra che nella copertina sia rappresentato un famoso personaggio del Kalevala.
Di chi si tratta? 





domenica 1 dicembre 2013

Come una banderuola


Anche in finlandese la parola composta tuuliviiri (tuuli = vento , viiri = stendardo, pennone, vessillo)  ha lo stesso significato, figurato e non, di banderuola. Essere (come) una banderuola (olla kuin tuuliviiri) è sinonimo di una persona influenzabile, volubile che cambia spesso idea così come una banderuola cambia direzione secondo il vento.

Tra gli animali più presenti nelle banderuole troviamo i galli, specialmente nei secoli scorsi. Non mancano però esempi moderni di banderuole realizzate probabilmente a scopo decorativo.
Diversi esempi da tutto il mondo si trovano qui e qui.
Ho pensato di unire tradizione e tempi moderni in un'unica immagine in cui il protagonista è uno degli abitanti più comuni e simpatici dei boschi finlandesi.


venerdì 29 novembre 2013

Uno sguardo glaciale


La neve non si è ancora posata sui tetti e le strade della capitale finlandese. Non si sono fatti attendere però i primi geli. I termometri hanno cominciato a subire il consueto calo stagionale. Non manca molto al loro tracollo.
Rivedendo alcune foto d'archivio ho trovato un'immagine, uno sguardo glaciale, uno sguardo che potrebbe appartenere ad una creatura mitologica svegliata dal suo letargo eterno dai versi di un cantore di runi dimenticati.
Non è consigliabile sostenere il suo sguardo troppo a lungo. L'inverno non avrebbe mai fine.


domenica 24 novembre 2013

Personificazioni femminili


 In figura si vede il dettaglio di un famoso monumento che si trova nel centro di Helsinki.
Che cosa rappresenta la statua?  Dove si trova esattamente?
Un piccolo aiuto si trova nella foto che segue.






martedì 19 novembre 2013

Questioni di lingua

In finlandese la parola kieli può significare lingua, linguaggio, idioma, linguetta, corda.

Ho pensato di proporre in questa segnalazione alcune parole finlandesi che terminano con la parola kieli indicando, tra parentesi, la corrispondente traduzione letterale. Un modo come un altro per imparare nuove parole. Consiglierei di provare a rispondere senza effettuare alcuna ricerca.

1) Häränkieli (lingua di bue) è:
a) un fungo
b) un biscotto
c) un tipo di cappello

2) Karhunkieli (lingua di orso) è
a) una specialità gastronomica di Eckerö
b) una spugna abrasiva
c) un tipo di cucchiaio

3) Käärmeenkieli (lingua di serpente) è
a) un tipo di bacchetta
b) una felce
c) un panno

4) Poronkieli (lingua di renna) è
a) un cibo
b) una cintura
c) una tazza tradizionale lappone

5) Koirankieli (lingua di cane) è
a) una corda del kantele
b) una pianta
c) un dolce tradizionale careliano

6) Kissankieli (lingua di gatto) è
a) un ortaggio
b) un tipo di corda
c) un biscotto

7) Hirvenkieli (lingua d'alce) è
a) una felce
b) un idioma incomprensibile
c) un dessert gelatinoso

8) Satakieli (sata = cento, kieli = lingua) è
a) l'usignolo
b) il canarino
c) il pettirosso

9) Anopinkieli (lingua di suocera) è
a) un veleno mortale
b) una pianta ornamentale
c) un pesce d'acqua dolce


Risposte

1-a un fungo. Häränkieli è il nome finlandese della Fistulina hepatica noto in italiano come lingua di bue.
2-b una spugna abrasiva. Si chiama karhunkieli quel tipo di spugna abrasiva, solitamente di color verde, usata per la pulizia delle pentole.
3-b una felce.  In italiano è chiamata ofioglosso comune dal greco òphis (serpente) e glossa (lingua).
4-a un cibo. Sì, si tratta proprio della lingua di renna cucinata in diversi modi.
5-b una pianta. Il nome scientifico della pianta è Cynoglossum officinale. Ho trovato che nomi italiani per questo tipo di pianta sono cinoglosso, erba vellutina, lingua di cane vellutina, cinoglossa.


domenica 17 novembre 2013

Polipori

Nei boschi finlandesi crescono almeno 230 varietà di polipori (kääpä in finlandese). Generalmente spuntano fuori dalla corteccia di alberi vivi e da quella di tronchi secchi.
Oltre ad un largo nella medicina popolare (specialmente da parte dei sami), i polipori sono noti anche per la loro capacità di bruciare gardualmente per ore. La combustione avviene senza fiamma e il fungo si trasforma molto lentamente in cenere.
Per esempio il taulakääpä, opportunatamente trattato, veniva utilizzato per l'accensione del fuoco in mancanza di fiammiferi. Un'altra varietà chiamata arinakääpä era usata nelle vecchie cucine a legna per preservare le ceneri calde nel forno per molte ore in modo da poter in seguito ravvivarle. Per le peculiari proprietà combustive i polipori erano utilizzati anche per trasportare il fuoco tra due luoghi distanti.
Dai polipori è possibile estrarre anche dei coloranti naturali per tessuti. L'identificazione delle varietà più idonee a tale scopo richiede però profonda esperienza.





In questa pagina si trovano i passi per la preparazione del taulakääpä e l'accensione del fuoco. Non ho testato personalmente le istruzioni.

Avete mai provato ad accendere un fuoco con uno di questi funghi?


mercoledì 13 novembre 2013

Bisogni canini - parte seconda

Ritorno sull'argomento della differenza di punti di vista tra proprietari di cani (di alcuni ovviamente) e il resto del mondo. Tema sui cui mi ero già soffermato in una segnalazione precendente.
Si comincia con un educato messaggio bilingue rivolgendosi direttamente ai cani e alla loro sensibilità in modo che chiedano ai propri padroni di essere portati in luoghi più appropriati per i bisogni più impellenti.



Un'immagine vale più di mille parole. Il pitale canino non era però messo a disposizione.



Nel cartello viene indicata la direzione in cui trovare un'apposita area recintata per i bisogni urgenti (rigorosamente) canini. Peccato non sia specificata la distanza.



giovedì 7 novembre 2013

Mumin e nomi propri finlandesi

Nella lista dei nomi propri basati sui personaggi della letteratura finlandese per ragazzi, un posto di primo piano è occupato dai protagonisti dei Mumin.
Il nome più frequente all'anagrafe finlandese è Myy con poco meno di 150 persone, meno della metà di My, versione (originale) svedese.
Altri nomi propri legati ai personaggi dei Mumin sono: Hemuli, Nyyti, Tuittu, Tiuhti, Viuhti, Tuhto, Niisku, Muumin, Muumi.

Anche i protagonisti del libro Pessi ja Illusia di Yrjö Kokko hanno avuto un relativo successo tra i genitori finlandesi. I Pessi sono circa 230, poco meno delle Illusia a cui va aggiunta anche la versione Illuusia (più rara). Nella favola scritta da Kokko, Illusia è una fata elfo mentre Pessi (diminuitivo di Pessimisti) è un folletto troll. Esiste anche una versione italiana del libro intitolata "Gli amici della foresta" in cui Illusia è però chiamata Lucilla.

Nell'anagrafe risultano meno di dieci Tirlittan protagonista dei libri di Oiva Paloheimo. Sono probabilmente legati allo stesso personaggio anche le poche occorrenze del nome Tirliina.

Compare poco meno di 50 volte Tupuna, il nome del simpatico coniglietto dei racconti di Pirkko Koskimies (la serie di Pupu Tupuna).

Conoscete altri nomi derivati dalla letteratura finlandese per ragazzi?


sabato 2 novembre 2013

Commemorazioni


"Niityn yllä usvaa,
takana metsän tumma raja.
Mikään ei liiku. Joku vain katsoo
ja näkee
niityn yli niityn, usvan."
Lassi Nummi


domenica 27 ottobre 2013

L'attesa di Vekku


Chissà chi o cosa aspettasse Vekku con lo sguardo rivolto al limite della strada in quel lontano pomeriggio invernale. Ho poi saputo che la sua sosta terrena si è interrotta qualche anno fa in autunno, appesantita da un apprezzabile numero di lune e primavere.
Da allora nessun'altra zampa ha varcato la soglia del suo giaciglio.


venerdì 25 ottobre 2013

Askola e le zangole di Hiisi

Qualche mese avevo segnalato una piccola marmitta del gigante a Seurasaari. Ad Askola, un'ora d'auto da Helsinki,  è invece possibile visitare un sito interessante dove si trovano venti marmitte dei giganti di forma e dimensioni diverse.
All'ingresso del breve sentiero nel bosco che porta alle marmitte del gigante si fa la conoscenza della rocciosa Hiidenkivi (pietra di Hiisi) mascotte del sito. Per gli scaramantici c'è anche la possibilità di gettare una monetina nell'Onnen Kirnu , la zangola della fortuna o della felicità (visto che la parola onni in finlandese indica entrambe le cose). Le monete raccolte dal fondo sono utilizzate per la manutenzione di base dell'area.

Informazioni più dettagliate sono disponibili sul sito ufficiale Askolan Hiidenkirmut (anche in lingua inglese).

Hiidenkivi, la mascotte del sito





sabato 19 ottobre 2013

Accesso non autorizzato



Il cartello in figura vieta l'accesso all'isola solo a motociclette, biciclette, cani e gatti. Ad osservarlo bene il gatto in figura non sembra nemmeno molto socievole.
Vista la varietà di animali più o meno domestici che abitano oggi nelle nostre case mi chiedo se il divieto di accesso riguardi anche maialini, criceti, conigli e simili.


venerdì 18 ottobre 2013

Ultime pennellate di ruska

Anche quest'anno l'autunno finlandese si è presentato nella sua veste migliore. La veste di un pittore appassionato ed infaticabile che ha riversato le innumerevoli sfumature di ruska della sua tavolozza sulla tela lussureggiante dei boschi finlandesi.
Ora che l'inverno non ha più intenzione di aspettare, vorrei presentare le ultime pennellate autunnali che sono riuscito (solo in minima parte) a catturare.






lunedì 14 ottobre 2013

Quando la Finlandia cadde dall'albero



Kun Suomi putos puusta  (lett. Quando la Finlandia cadde dall'albero) è stato il primo album da solista di Ismo Alanko.
Il brano omonimo è considerato uno dei classici della musica finlandese.
Nel testo della canzone si trovano anche delle parole tratte dall'incipit di uno dei più celebri romanzi finlandesi. Una frase molto famosa che viene spesso citata per rappresentare il "sisu" dei finlandesi.

Domanda facile (per i finlandesi di passaggio). Di quale romanzo si tratta? 

Risposta (26.10.2013)
Un verso della canzone è tratta dall'incipit del romanzo "Täällä Pohjantähden alla" scritto da Väinö Linna. Il libro inizia con la frase "Alussa olivat suo, kuokka - ja Jussi." (in principio c'erano il pantano, la zappa e Jussi).


venerdì 11 ottobre 2013

Il paesaggio del romanzo finlandese


"Kun Suomea katselee lentokoneesta, näyttää aluksi siltä kuin lähes koko maa olisi metsän peitossa. Sielläkin missä asutus on vanhaa ja keskiaikaiset kivikirkot todistavat satojen vuosien ikäisestä sivistyksestä, metsää saattaa nähdä enemmän kuin peltoa. Sisä-Suomessa maisemalle antavat oman leimansa järvet, jotka jatkuvat satojen kilometrien pituisina, mutkaisina vesiretteinä ja pirstovat mäkisen, metsän peittämän maan niemiksi, kannaksiksi ja saariksi.
Tämä on klassisen suomalaisen romaanin maisema. Sen suuri traditio alkaa metsästä.
"
tratto da "Metsästä kaupunkiin", Kai Laitinen, 1984


Una mia libera traduzione del passaggio di Kai Laitinen.
"Quando si guarda la Finlandia da un aeroplano, all'inizio sembra che quasi tutto il paese sia sotto una coperta di bosco. Là dove l'insediamento è antico e le chiese medievali di pietra testimoniano secoli di civiltà, il bosco lascia intravedere più di un campo. Nei paesaggi dell'entroterra finlandese i laghi lasciano il proprio segno distintivo, proseguono per centinaia di chilometri in lunghi e sinuosi itinerari acquatici, frammentano collinosi territori coperti da boschi in promontori, istmi e isole.
Questo è il paesaggio del classico romanzo finlandese. La sua grande tradizione comincia dal bosco.
"


mercoledì 9 ottobre 2013

Fantasmonacelli

Hullujen Päivien haamumunkit


*Fantasmonacelli = fantas(ma) + monacelli
 

domenica 6 ottobre 2013

L'antro del troll


Mi sono imbattuto casualmente in quello che ho da subito battezzato con il nome di "antroll" (antro del troll). C'era da aspettarsi che l'inquilino non si sarebbe fatto vedere: menninkäinen ennen päivänlaskua ei voi milloinkaan olla päällä maan.


giovedì 3 ottobre 2013

Il pollaio letterario

tratto da Velikulta dicembre 1909
In alto, al riparo dalla scure della critica, si vedono Teuvo Pakkala, Juhani Aho, Eino Leino, Santeri Ivalo, Kasimir Leino. Poco più in basso Severi Nuormaa (??) e Larin-Kyösti.

lunedì 30 settembre 2013

La rana sollevatrice



La rana ed altre bizzarre sculture decorano la facciata di un famoso edificio nel centro di Helsinki. Si tratta di uno dei gioielli dello stile jugend della capitale finlandese. Il palazzo è stato completato nel 1901 su progetto di un celebre studio di architetti finlandesi.
Di quale edificio si tratta?


domenica 29 settembre 2013

Curiosità sul giorno di Mikko

Nel calendario finlandese la casella di oggi è dedicata a Mikko (Mikonpäivä), versione finlandese di Michele.
All'anagrafe finlandese risultano chiamati con il nome Mikko poco più di 56000 uomini e almeno 7 donne (la maggior parte delle quali nel XIX secolo).
In realtà sono tanti i nomi finlandesi riconducibili al nostro Michele. Per esempio Mikael, Mika, Mikaela, Miko, Miika, Miikka oppure Mikkeli che è anche il nome finlandese di una città nel Savo meridionale.
Tra le chiese orginariamente cattoliche dedicate a San Michele si trovano per esempio la chiesa medievale di Pälkäne, la vecchia chiesa di Kirkonummi, la vecchia chiesa di Keminmaa a Kemi, la vecchia chiesa di Messukylä a Tampere.
Il culto di San Michele non era diffuso solo durante il periodo cattolico finlandese. Ancora oggi ci sono chiese luterane dedicate a Mikael: la Mikaelinkirkko di Turku oppure quella di Kontula (un quartiere di Helsinki).

Il giorno di San Michele era anche la più significante ricorrenza autunnale nei calendari agricoli finlandesi. Numerosi erano i proverbi legati sulle previsioni meteo per l'inverno basate sulle condizioni atmosferiche di questa giornata. Terminava la stagione del pascolo all'aria aperta e le mucche erano fatte rientrare nelle stalle e preparate per l'arrivo dell'inverno.

Il nome Mikko è presente anche in tre parole finlandesi. Si chiama baarimikko* il barista che si occupa di preparare cocktail e altri alcolici al bancone di un bar.
Uno dei nomi con cui è chiamato il buttafuori dei locali finlandesi è ovimikko** oppure portsari sebbene il nome ufficiale sia ovivahtimestari.
Se invece vi è capitato di andare in campeggio, con o senza gli scout, è probabile che vi siate ritrovati nel ruolo di kipinämikko*** ovvero colui che si occupa del fuoco da campo.

Per concludere segnalo anche che MikroMikko era il nome di una serie di microcomputer creata da Nokia. Il primo modello della serie fu realizzato a Espoo e lanciato, guarda caso,  il 29 settembre 1981.

Auguri a tutti i Michele e i Mikko di passaggio!!


* baari = bar
** ovi =  porta
*** kipinä = scintilla, barlume


sabato 28 settembre 2013

Pizza alle toffolette

Se trovate le pizze finlandesi troppo esotiche probabilmente non avete ancora provato la pizza con le toffolette.
Non di tratta di una specialità locale visto che esistono da anni anche in altri paesi. Ammetto però di esserne venuto a conoscenza solo recentemente quando una nota catena di ristoranti buffet finlandese pubblicizzava la presenza di pizza alle toffolette (vaahtokarkkipizza) nel suo menù per tutta la durata  di una campagna promozionale chiamata "settimane dei bambini".

La prima volta che ho assaggiato le toffolette (comunemente chiamati marshmallow) risale ad estate di qualche anno fa davanti ad un fuoco da campo. Per mia convinta scelta è stata anche l'ultima.

Che rapporto avete voi invece con le toffolette?


giovedì 26 settembre 2013

Increspature autunnali

Scorcio di un paesaggio lacustre autunnale


lunedì 23 settembre 2013

A spasso per i pianeti del sistema solare

Modello in scala di Saturno
Sul territorio di Helsinki (ed in piccola parte di Espoo) sono distribuiti i pianeti di un modello in scala del nostro sistema solare (aurinkokuntamalli). I pianeti sono stati posizionati nel 1992 dall'associazione astronomica Ursa.
Il sole è stato piazzato nella zona di Pajamäki per questo l'intera installazione è nota con il nome di  (Pajamäen aurinkokuntamalli).
Sia le distanze interplanetarie che le dimensioni dei pianeti sono state calcolate su una scala 1:1000000000, per la quale 1 millimetro del modello corrisponde a 1000 km nel sistema solare.
I pianeti più vicini al sole possono essere raggiunti con una passeggiata o una pedalata a differenza di quelli più esterni, raggiungibili comunque in auto o con i mezzi pubblici.
La mappa dettagliata delle posizioni dei pianeti è pubblicata sul sito di Ursa.


sabato 21 settembre 2013

Il ponte di confine

Con il trattato di Turku del 1743 la Svezia cedeva alla Russia i territori ad est del Kymijoki.
Il terrorio della città di Pyhtää, attraversato dal fiume, veniva diviso in due parti: Pyhtää appartenente alla Russia e Ruotsinpyhtää alla Svezia.
Il ponte di Savukoski (Savukosken silta) fungeva da confine tra i due territori. Sulla sponda nord del fiume si trovava la dogana svedese, l'ufficio postale e delle fortificazioni.
Il ponte oggi visibile è stato costruito nel 1926 sebbene a causa di forti correnti venne rinforzato e ufficialmente approvato nel 1928. Per una serie di problemi legati al cemento utilizzato il ponte è stato chiuso negli anni '60.
Dopo la ristrutturazione agli inizi degli anni '80 è stato dichiarato "ponte museo" nel 1984. 

Cartelli di confine al centro del ponte

Vista del ponte di Savukoski



giovedì 19 settembre 2013

L'inverno arriva sempre


 Per cominciare a prepararsi all'arrivo della stagione invernale ho pensato di segnalare delle parole scritte a riguardo da Toivo Pekkanen.

"Talvi on Pohjolan oikea vuodenaika. Kevät on vain lupaus, että jotakin suurta alkaa tapahtua, kesä on vain kuvitelma, jonka ihmiset muutamina kuumina päivinä tai korkeintaan viikkoina uskovat olevan totta, syksy on kuolema, kevään lupausten ja kesän kuvitelmien pimeä hauta. Mutta talvi on todella olemassa, lumi, jää ja pakkanen ovat todella olemassa. Talvi, se ei koskaan petä. Se tulee aina. Kylmänä, lumenvalkoisena, jään säkenöiviä timantteja kutreillaan se kohoaa  esiin syksyn  pimeästa haudasta ja vallitsee maata ja ihmisiä ankarana ja peloittavana."

tratto da 'Nuorin Veli' di Toivo Pekkanen



Una mia traduzione (spero senza troppi errori).

"L'inverno è la vera stagione del Nord. La primavera è solo una promessa che qualcosa di grande sta per iniziare, l'estate è solo un'illusione che la gente, per qualche giorno di caldo o al massimo settimane, crede sia reale, l'autunno è la morte, l'oscura tomba della promessa primaverile e della fantasia estiva. Ma l'inverno esiste veramente, neve, ghiaccio, e freddo sono reali. L'inverno, non delude mai. Arriva sempre. Si innalza freddo, bianco come la neve, con la sua chioma di scintillanti diamanti di ghiaccio, dall'oscuro sepolcro dell'autunno e prevale fiero e minaccioso sulla terra e sugli uomini"


mercoledì 18 settembre 2013

Undici curiosità finlandesi

Undici domande. Undici curiosità sulla storia e sulla cultura finlandese. Undici domande che potrebbero essere (non intenzionalmente) malposte. Undici domande che forse mai avete pensato di porvi e di cui probabilmente non interessano le risposte.
Undici risposte che si possono ottenere interrogando un qualunque motore di ricerca in rete. Undici risposte che suggerirei di dare prima e dopo la ricerca in rete così tanto per vedere che differenza c'è.
Tra sette giorni le mie undici risposte (forse).

1) Nel primo logo della Nokia c'era:
  a) uno stivale
  b) un pesce
  c) un telefono
  d) una radio

2) Il rapakivi è:
  a) una specialità gastronomica
  b) una danza tradizionale
  c) un ortaggio ottenuto incrociando una rapa e un kiwi
  d) un tipo di granito

3) Cosa accadde a Helsinki il 2 Novembre 1913?
  a) al Teatro Svedese andò in scena "Salig Mattias Pascal" una rappresentazione in lingua svedese  del famoso romanzo Luigi Pirandello
  b) al teatro Apollo, per la prima volta in Finlandia, ci fu una serata pubblica dedicata al tango
  c) la Commssione del Decoro Pubblico di Helsinki ordinò la rimozione della scultura Havis Amanda per offesa al comune senso del pudore
 d) Akseli Gallen-Kallela completò la seconda versione di "Ad Astra", una delle sue opere più conosciute.

4) L'opera di quale autore dopo il Kalevala di Lönnrot è stata tradotta dal finlandese all'italiano?
  a) Aleksis Kivi
  b) Juhani Aho
  c) Frans Emil Sillanpää
  d) Mika Waltari

5) A quale di questi famosi personaggi viventi non è stata dedicata una piazza in Finlandia?
  a) Mika Häkkinen
  b) Martti Ahtisaari
  c) Arto Paasilinna
  d) Lordi

6) Su quale banconota si trovava l'effigie del primo presidente della Repubblica finlandese?
  a) 10 marchi finlandesi
  b) 500 marchi finlandesi
  c) 1000 marchi finlandesi
  d) 5000 marchi finlandesi

7) Quale tra le seguenti città finlandesi ha nel nome un riferimento ad un quartiere di Napoli?
  a) Espoo
  b) Tampere
  c) Turku
  d) Rovaniemi

8) Con l'espressione idiomatica "mennä yhdelle" (lett. "andare a uno") in generale si intende:
  a) andare da solo da qualche parte
  b) andare con qualcuno al bagno
  c) andare a bere una birra
  d) andare a dormire da solo

9) In quale di questi paesi Alvar Aalto ha progettato una chiesa:
  a) Italia
  b) Grecia
  c) Portogallo
  d) Belgio

10) I designer di un famoso oggetto di design finlandese si sarebbero ispirati ai pantaloni/calzoni di pelle tradizionali delle donne eschimesi. Di quale tipo di oggetto si tratta?
  a) una lampada
  b) una sedia
  c) un vaso portafiori
  d) una poltrona

11) Chi è stato l'ultimo  Presidente della Repubblica di Finlandia ad essere stato scelto senza elezioni pubbliche?
  a) Kyösti Kallio
  b) Urho Kekkonen
  c) Juho Kusti Paasikivi
  d) Mauno Koivisto


Risposte
1 b: il logo con il pesce è visibile qui
2 d: qui maggiori dettagli
3 b
4 b: nel  1906 il racconto Uskollinen di Juhani Aho tradotto da Pasquale Lefons con il titolo Fedele.
5 c: ne avevo accennato in questa vecchia segnalazione
6 d: l'effigie di Kaarlo Juho Ståhlberg, primo presidente della Finlandia, compare sulla banconota da 5000 dei marchi finlandesi (Suomen markka) del 1955-1957. La sua effigie si trova anche sulla banconota da 50 marchi del 1963–1977.
7 c: il nome della città deriva da un'antica parola slava che significa "luogo del mercato". Mercato è un quartiere di Napoli.
8 c
9 a: si tratta della Chiesa di Santa Maria Assunta di Riola in provincia di Bologna.
10 c: si tratta del famoso vaso Savoy
11 b: Urho Kekkonen 


lunedì 16 settembre 2013

La scarpa del cavallo


Secondo una superstizione finlandese se si trova e prende con sé un ferro di cavallo (hevosenkenkä) arrugginito si andrebbe incontro ad un matrimonio felice.



sabato 14 settembre 2013

Di streghe pettinate e nozze nell'aldilà

Qualche giorno fa, per un breve lasso di tempo, della pioggia è caduta dal cielo nel quale splendeva un sole autunnale.
La contemporanea presenza di sole e pioggia viene spesso chiamata con nomi pittoreschi comuni a diverse culture. I nomi fanno spesso riferimenti a matrimoni fra animali come volpi, orsi, scimmie, sciacalli ed altri ancora.
Un buon elenco dei nomi di questo fenomeno naturale nelle varie culture del mondo si può trovare nell'articolo Pioggia a ciel sereno (in italiano) oppure in Sunshower (in inglese).

In Italia pare che ci siano diverse variante regionali.
In dialetto veneto quando piove e c'è il sole si dice che 'ballano le strie' (ballano le streghe) mentre in Salento e in Calabria si sposano le volpi.
Dalle mie parti ricordo si dice invece che le streghe si pettinano. Non avevo mai pensato al fatto le streghe in genere siano spettinate e non dedicassero tempo alla cura della propria acconciatura.

Questo fenomeno atmosferico ha dei nomi folcloristici anche in finlandese.
Ecco quelli segnalati nell'articolo in inglese:

Aurinko paistaa, vettä sataa, Manalassa häitä juodaan.
[(Quando) il sole splende e piove, nell'aldilà si festeggiano (brindando) le nozze]

Aurinko paistaa, vettä sataa, kettu viettää häitä.
[(Quando) il sole splende e piove, la volpe si sposa]

Hiiret viettää häitä
[i topi si sposano]

Ketut kylpevät
[le volpi fanno il bagno]

Conoscete altri nomi finlandesi e italiani per indicare la contemporanea presenza di sole e pioggia?

mercoledì 11 settembre 2013

Le rovine della chiesa medievale di Pälkäne



Non è nota la l'esatta data di costruzione della chiesa cattolica di Pälkäne dedicata a San Michele. Fu probabilmente completata alla fine del 1400.
Si sa per certo che nel 1506 furono acquistate per la chiesa due statue lignee dedicate a San Lorenzo e Sant'Olav oggi appartenenti alla collezione del Museo Nazionale ad Helsinki.
La chiesa fu depredata nel 1713 all'epoca della Grande Guerra del Nord (durante la battaglia di Kostianvirta). Passarono decenni prima che la chiesta fosse ripristinata al suo stato originale.
Con la costruzione della nuova chiesa intorno alla fine del 1839 l'antica chiesa di Pälkäne fu abbandonata ad un lento e inesorabile declino.
I tentativi di recupero delle rovine, iniziati intorno al 1930, proseguono ancora oggi .
La chiesa non ha ancora un tetto ma all'interno delle sue mura sono stati disposti un altare e delle panche.  D'estate vi si organizzano dei concerti musicali notturni, cerimonie religiose e altri eventi legati alle tradizioni locali.
Io ci sono passato in una bella giornata di sole. In lontananza numerose balle di fieno in attesa di essere raccolte mentre in un campo adiacente due persone sondavano con un metal detector la superficie di un terreno apparentemente incolto.






lunedì 9 settembre 2013

Parcheggi del futuro prossimo


Immagino che in un futuro prossimo, almeno nei paesi occidentali, sarà comune vedere aree di parcheggio o noleggio simili a quello in figura.
Vi sono parcheggiati quelli che in italiano pare si chiamino deambulatori rollator, in finlandese potkupyörä o anche rollaattori.
Sembra che il termine rollator fosse inizialmente il nome commerciale di un tipo di deambulatore inventato dalla svedese Aina Wifalk nel 1978.
In Finlandia i rollator sono relativamente diffusi mentre in Italia ricordo di non averne visti. Ho notato invece qualche anziano usare dei piccoli scooter elettrici a quattro ruote.


venerdì 6 settembre 2013

Quasi in centro con vista mare



La zona di Helsinki in figura non è un vero e proprio quartiere sebbene sia percepito come tale. Il suo residente più illustre è stato un primo ministro finlandese che ha governato per più di due legislature.
Quest'anno il rione compie 40 anni.

Di quale zona si tratta?

Risposta (13.09.2013)
La zona in figura si chiama Merihaka e fa parte del quartiere di Sörnäinen. Qui trovate l'articolo (in inglese) sui suoi 40 anni.


martedì 3 settembre 2013

Come granelli di sabbia

Lungomare di Helsinki, agosto 2013
Mi piace immaginare che l'autore della frase alludesse all'unicità di ogni singolo granello di sabbia.


lunedì 2 settembre 2013

Volo di gruppo


Un frammento di cielo finlandese in un soleggiato e garrulo pomeriggio di fine agosto.


domenica 1 settembre 2013

La sostenibile leggerezza dello spirito

Nella lingua finlandese non mancano certamente espressioni più o meno dirette legati all'uso di alcol, ai postumi delle sbornie e simili.

Espressioni più comuni per indicare l'ubriacatura sono olla kännissä, olla juovuksissa, olla tinassa, kännissä kuin käki (ubriaco come un cuculo), olla käkenä.

E' diffusa anche da queste parti l'espressione juoda kuin sieni ovvero "bere come una spugna". La parola sieni comunemente significa fungo ma in lingua parlata viene usata anche per indicare la spugna (sienieläin).

L'espressione "astua korkin päälle" (lett. camminare sul tacco) indica uno stato di leggera ubriachezza. Da citare anche "olla pienissä häissä" che ricorre nel ritornello di Häissä, tormentone musicale estivo del 2011.

Chi invece beve tanto per più giorni di fila al momento di andare a dormire rischia di trascorrere la cosiddetta "notte delle lucertole" (liskojen yö) popolata di incubi, sudori freddi e immaginari esseri che vi girano intorno.

Per indicare i postumi della sbornia si utilizzano parole come krapula, kohmelo oppure kankkunen, quest'ultimo diffuso anche come cognome.
Spesso alla krapula segue il morkkis abbreviazione di "moraalinen krapula" (lett. krapula morale).
Il morkkis è quella sensazione di rimorso (immagino passeggero) che si presenta dopo aver smaltito i postumi dell'ubriacatura. Il morkkis si potrebbe presentare anche in altre situazioni non legate all'eccessiva consumazione di bevande alcoliche.
Per esempio  potrebbe indicare quel rimorso che si potrebbe manifestare dopo aver esagerato con lo shopping o con una scorpacciata di cioccolata.

In un un articolo pubblicato su un blog di lingua finlandese, viene presentata una lista di altri curiosi modi di dire legati allo stato di ebbrezza. Non tutte le locuzioni elencate credo siano molto diffuse.

Conoscete altre espressioni idiomatiche legate al consumo di alcol? Siete mai stati stati vittima del morkkis?


sabato 31 agosto 2013

La giornata della natura finlandese


Si celebra oggi per la prima volta la giornata dedicata alla natura finlandese (Suomen luonnon päivä). In diverse città sono state organizzate gite ed altri eventi legati alla natura. Il programma completo in aggiunta ad ulteriori dettagli sulla giornata si possono trovare sul sito ufficiale.

Mukavaa Suomen luonnon päivää kaikille luonnon ystäville!


mercoledì 28 agosto 2013

Un tocco di giallo


Non è ancora autunno ma nei boschi capita di notare qualcosa di un giallo vivido. L'organismo nella foto è uno dei più comuni da trovare (nel suo genere). Si trova anche nei boschi italiani.
Il suo nome inglese non è dei più piacevoli mentre il nome finlandese fa riferimento al folclore locale.
Di quale organismo si tratta?

Aggiornamento (05.09.2013)
A me risulta che il nome scientifico dell'organismo in oggetto sia fuligo septica. Qui trovate altre foto dello stesso fungo.
In lingua inglese pare sia chiamato dog vomit slime mold oppure scrambled egg slime a causa del suo aspetto.
In svedese si chiama trollsmör (let. burro del troll) mentre in finlandese si chiama paranvoi (burro di para). Prossimamente un articolo sul significato di para.



martedì 27 agosto 2013

La sedia Garibaldi

Intorno alla fine del 1800 era in vendita in Finlandia un modello di sedie dal nome familiare a milioni di persone in tutto il mondo. Si trattava della sedia Garibaldi (Garibaldistol).

La sedia in figura è tratta da una inserzione pubblicata su un numero di Hufvudstadsbladet (il maggiore quotidiano finlandese di lingua svedese) del 1878.
Non ho trovato altre immagini della Garibaldistol quindi non ho la certezza assoluta che l'immagine dell'inserzione si riferisca alla sedia/poltrona Garibaldi.
Conferme o smentite sono benvenute.


domenica 25 agosto 2013

Porcino fotogenico


Ho fatto la conoscenza del Porcino Fotogenico e di altri suoi amici durante una passeggiata nel bosco.
Il piccolo porcino ha gentilmente autorizzato la pubblicazione della foto.