giovedì 11 marzo 2010

L'albero del pane di Giovanni


L'estate scorsa mi sono imbattuto in esemplari di leguminose di cui avevo solo un lontano e sbiadito  ricordo.
Nel mio dialetto le carrube vengono chiamate "pistazz(i)" e anche "cornule" (o qualcosa di simile).  Ricordo di averle assaggiate molto anni fa ma solo una vaga e indefinibile traccia è rimasta nella mia memoria gustativa.

Dal punto di vista linguistico il carrubo presenta alcune curiosità.
Il nome con cui viene chiamato in inglese, italiano e nelle principali lingue neolatine deriverebbe dall'arabo "el kharroube".
In molte lingue germaniche (tedesco, olandese e lingue scandinave) e in quelle ugro-finniche (finlandese, estone) viene invece chiamato "albero del pane di Giovanni".
Il nome deriverebbe da un episodio riportato nel Nuovo Testamento secondo cui San Giovanni Battista sopravvisse diversi giorni nel deserto cibandosi di carrube e miele.

In campo alimentare le carrube sono utilizzate come cibo per animali, bevande, rosolii, vincotto. La farina di semi è usata come addensante in numerose preparazioni alimentari mentre carrube essicate o tostate sono usate come ingredienti per dolci o biscotti.
I duri e uniformi semi delle carrube venivano usati come unità di misura delle pietre preziose. Il termine "carato" deriva infatti dall'arabo "khirat" con cui sono chiamati i semi.

7 commenti:

  1. Fantastico questo post, molto interessante. Ricordo da bambino in vacanza c'era questo albero enorme di carrube e mia nonna mi diceva di non toccarle che erano cibo per cavalli ed erano velenose per me :D

    RispondiElimina
  2. io non ho mai visto questo albero...però so che alcuni birrifici artigianali usano le carrubbe per farci un'ottima birra!

    RispondiElimina
  3. @ gattosolitario: hai alla fine ascoltato i consigli della nonna? :)
    Mi risulta che in Campania le carrube si chiamino sciuscelle. Sembra inoltre che la sciuscella sia un dolce tradizionale natalizio di Formia e Gaeta. Il nome deriverebbe dalla forma del dolce, non dagli ingredienti.

    @ Serendipity: non sarebbe male assaggiarne un bicchiere. :)

    RispondiElimina
  4. Si chiamano cornule pure da noi.

    RispondiElimina
  5. Ero un bravo bambino : )

    ps: mai sentita la parola "sciucelle", sará delle parti di Formia!

    RispondiElimina
  6. @ arkitehti: sono molto usate nel Salento?
    @ gattosolitario: su Wikipedia ho letto che Port'Alba (a Napoli) è chiamata popolarmente "Porta sciuscelle" dal nome napoletano delle carrube perchè nelle vicinanze sorgeva un grande carrubo.

    RispondiElimina
  7. Fantastico, e non ne sapevo nulla :D

    RispondiElimina